TV Show

“Nel futuro chiunque sarà famoso per 15 minuti”. Andy Warhol

Mercoledì 15 febbraio, in quanto volontarie dell’associazione rumena “Sirinia”, siamo state invitate a partecipare ad un programma televisivo, chiamato “Pulsul Zilei”, presso la televisione locale di Arad. Solitamente, il programma dura mezz’ora e durante questo intervallo di tempo abbiamo potuto farci conoscere alla comunità rumena attraverso il piccolo schermo. Anticipatamente, avevamo deciso chi di noi avrebbe rappresentato il gruppo e così, Stefania (di nazionalità italiana) e Laura (di nazionalità spagnola) sono apparse in TV per rispondere alle domande del conduttore. Al loro fianco, erano presenti anche Mihaela e Dariana, coordinatrici del progetto e dell’associazione “Sirinia”. Infine, Ottavia, Maria ed io guardavamo la diretta dalla sala di regia. È stato un momento emozionante: le nostre storie personali sarebbero entrate nelle case degli abitanti di Arad e le luci della ribalta avrebbero schiarito il nostro attuale lavoro, rendendolo accessibile a chiunque. Il giornalista ha iniziato l’intervista con semplici domande. Prima di tutto, ha richiesto una presentazione delle volontarie: chi fossero, da dove venissero, quale fosse il loro passato, il motivo che le ha spinte ad uscire dalla propria “comfort zone” e vivere nove lunghi mesi all’estero, specialmente in Romania. Poi, è stato il momento di “Sirinia”: le responsabili hanno spiegato la filosofia dell’associazione, i valori, gli obiettivi e il loro specifico ruolo. È stato esposto il progetto – chiamato “Be Safe” – che dal mese di luglio stiamo sviluppando ed è stata dedicata un’attenzione particolare al metodo educativo che proponiamo, quale l’educazione non-formale. Infine, sono state date delle informazioni generali sul Servizio Volontario Europeo (SVE), inserito all’interno del programma europeo “Erasmus plus”. L’intervista è stata piacevole e scorrevole; il conduttore ha lasciato alle ragazze molta libertà di espressione, in modo tale da spiegare dettagliatamente il ruolo di Sirinia e quello delle volontarie. Credo che questa esperienza in televisione sia stata una finestra dalla quale vedere le varie possibilità che il mondo offre. È stata un’ottima occasione di promozione dello SVE, del volontariato e dell’associazionismo. A detta delle voci in circolazione, i rumeni non amano cimentarsi nel volontariato perché non sarebbe redditizio. Chissà, forse il nostro intervento diretto potrà fare cambiare prospettiva ed aprire a nuove possibilità.

P_20170215_184423

P_20170215_184134_HDR


“In the future everyone will be world-famous for 15 minutes”. Andy Warhol

Wednesday 15 February, as volunteers of “Sirinia” Romanian association, we have been invited to participate at one television program, called “Pulsul Zilei”, in Arad’s TV local. Usually, the show lasts half hour and during this time, we could present ourselves to Romanian community through the screen. Early, we decided who of five girls would represented our team so, Stefania (from Italy) and Laura (from Spain) appeared on TV to answer at hosts’ questions. Close to them, they were presented also Mihaela and Dariana, project coordinators of Sirinia’s association. Finally, Ottavia, Maria and me assisted the live from control room. It has been an emotional moment: our personal tales would have entered into the citizens’ houses and the footlights would have clarified our current job, making accessible for anybody. Interview started with easy questions. First of all, he requested a presentation of the volunteers: who they were, where they were from, which were their past, the reason to go out from own “comfort zone” and spend nine long months abroad, especially in Romania. After that, it has been the time of “Sirinia”: the boss explained the philosophy of the association, the values, the aims and their specific role. It has exposed the project – called “Be Safe” – that from July we are developing and it has been dedicated a particular attention at educational method that we use actually, or not-formal education. In the end, it has given a general information about European Voluntary Service (EVS), in of “Erasmus plus” European program. It has been a pleasant and fluid interview; host left a lot of freedom to expression, as such girls could explain in a deep way Sirinia’s role and volunteers one. I believe this experience in TV would be as a window from to see what kind of opportunities the world offers. It has been a great occasion to promote EVS, voluntary and association. According to what the voices says, Romanian people does not like to work in voluntary service because it is not a profitable job. Who knows, maybe our directly speech will change prospects and open to new possibilities.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s